Perché dopo il divorzio immediato l’uomo può risposarsi subito e la donna dopo 300 giorni?

Divorzi e separazioni, negli ultimi anni, sono aumentati in maniera esponenziale.  Nella maggior parte dei casi la causa è l’infedeltà di uno dei due coniugi, e spesso nelle separazioni e divorzi giudiziali è fondamentale l’intervento di una agenzia investigativa per provare i tradimenti, ottenendo così l’addebito, grazie al materiale foto/video ed al dossier dettagliato utilizzati in sede di giudizio.
In questi casi gli ex coniugi, una volta ottenuto il divorzio, sono liberi di risposarsi, se hanno una nuova relazione.

Invece nei casi di divorzio immediato (che avviene quando uno dei due coniugi ha subito una grave condanna, o se uno dei coniugi è straniero e la sua legge lo permette, o ancora se il matrimonio non viene consumato, o se uno dei coniugi ha ottenuto la rettificazione di attribuzione di sesso) non ci si può risposare subito. O almeno, non può farlo la donna.

Se infatti l’uomo può risposarsi dopo 30 giorni dalla notifica della sentenza, o comunque dopo 6 mesi dalla sua pubblicazione, per la donna non è così, poiché deve rispettare il cosiddetto lutto vedovile, ora definito “divieto temporaneo di nuove nozze”, per la durata di 300 giorni a partire dall’annullamento, dallo scioglimento o dalla cessazione degli effetti civili del matrimonio precedente (dispositivo dell’art. 89 Codice Civile). Tale divieto è volto a tutelare e garantire la certezza di paternità in una eventuale gravidanza della donna.

È comunque possibile presentare ricorso, e il Pubblico Ministero può autorizzare il successivo matrimonio quando è possibile escludere con certezza una gravidanza in atto o quando è presente una precedente sentenza che conferma che la donna non ha vissuto con il coniuge nei 300 giorni che precedono lo scioglimento, l’annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio.

In ogni caso, la mancata osservanza dei 300 giorni non comporta la nullità del nuovo matrimonio ma soltanto una sanzione molto bassa, che va dai 20 agli 82 euro.

Se pensi che il tuo partner ti stia tradendo, contattaci.
Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.

Tel. 0805020101
Numero verde: 800689849
Oppure clicca qui per prenotare una consulenza
Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi