Licenziamento: può avvenire per fatti che precedono l’assunzione

Il Tribunale di Pistoia, con sentenza depositata l’11 gennaio 2021, ha stabilito che il lavoratore può essere licenziato anche per fatti commessi in un precedente rapporto lavorativo.

Il caso riguarda una banca, che dopo aver assunto un uomo è venuta a conoscenza di gravi irregolarità da egli commesse nel suo precedente impiego, a causa delle quali era stato condannato per concorso in usura.
La banca, venuta a conoscenza della condanna, ha quindi chiesto al dipendente copia integrale di tutta la documentazione relativa al processo, sospendendo nel frattempo l’uomo in via precauzionale.

Dalla verifica sono emerse le gravi irregolarità commesse dal lavoratore, e che hanno indotto la banca ad intimare il licenziamento per giusta causa.
Il lavoratore ha però impugnato il provvedimento disciplinare, poiché si trattava di fatti che precedevano di molto l’assunzione. Ma il Tribunale di Pistoia ha rigettato il ricorso. Infatti il licenziamento era intervenuto solo dopo che la banca era venuta al corrente dei dettagli del procedimento penale a carico del dipendente, al di là del tempo trascorso tra gli ileciti commessi e l’assunzione. Il principio dell’immediatezza della contestazione non deve tenere solo conto del momento in cui è avvenuto l’illecito, ma del momento in cui il datore di lavoro ne è venuto a conoscenza, quindi anche dopo anni.

Non è rilevante che gli illeciti siano avvenuti mentre l’uomo lavorava presso un altro istituto bancario, perché, come ritenuto valido dalla Cassazione anche in una precedente sentenza, la n. 20319 del 09/10/2015, il comportamento del dipendente ritenuto lesivo non deve necessariamente tenersi in costanza delo svolgimento del rapporto di lavoro, ma può assumere rilievo anche se “posto in essere anteriormente all’inizio del rapporto e nello svolgimento di mansioni, diverse da quelle attuali, assegnate da un precedente datore di lavoro ove la condotta sia divenuta palese successivamente e purché, per i caratteri dell’illecito (nella specie, di natura penale), incida sulla figura morale del lavoratore, ovvero sia previsto dal contratto collettivo di lavoro quale causa di licenziamento.”

Se vuoi conoscere il background di un dipendente, contattaci.
Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.
Tel. 0805020101
Numero verde: 800689849

Oppure chiedi una consulenza cliccando qui.

 

Fonte: ilsussidiario.net

Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi