Licenziamento e Covid 19: può essere effettuato per giustificato motivo

Come ben sappiamo, il Covid 19 non ha certo avuto un impatto positivo sulle imprese e l’economia in generale.
Per contenere la crescita dei licenziamenti, quindi, il Governo ha disposto il divieto di licenziare i dipendenti per motivi economici e/o organizzativi – attualmente protratto fino al 17 Agosto – a prescindere dalla dimensione occupazione dell’azienda e dal numero dei dipendenti (cfr. art. 46 del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18).

Generalmente è possibile licenziare un dipendente per tre motivazioni:

  • licenziamento per giustificato motivo oggettivo, che avviene per ragioni relative “all’attività produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa”. Quindi è legato a motivi aziendali, non a motivi riferibili al lavoratore;
  • licenziamento per giustificativo motivo soggettivoè determinato da un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro”;
  • licenziamento per giusta causa è determinato da un comportamento del dipendente talmente grave da “non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro nemmeno per un altro giorno”.

Il divieto di licenziamento riguarda solo i casi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Restano invece possibili i licenziamenti per giustificato motivo soggettivo o per giusta causa, che andranno valutati caso per caso, al fine di definire la loro legittimità o illegittimità.

Tra i motivi di licenziamento per giusta causa abbiamo, ad esempio: l’abbandono del posto di lavoro, la concorrenza sleale (magari svolgendo attività in favore di un concorrente), la falsa malattia, la sottrazione di beni e dati aziendali, lo scorretto uso dei permessi ex Legge 104/92 etc.

Per questo continuano ad essere utili i controlli difensivi per mezzo di un’agenzia investigativa, per individuare le condotte sanzionabili, non solo all’interno ma anche all’esterno dell’azienda.

Ricordiamo infatti che l’utilizzo dello smart working ha sicuramente molti vantaggi, per l’azienda, ma anche dei rischi: qualcuno utilizzerà l’autonomia del lavoro agile per fare il furbetto.

Tel.: 0805020101
Numero verde: 800689849

Prenota la tua consulenza

Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi