Le sette continuano a mietere vittime fra i minorenni

Le ultime notizie parlano chiaro: il problema della sette è tutt’altro che superato.
Sono 8 mila le sette sataniche in Italia, con oltre 600 mila adepti. E sono solo quelle di cui conosciamo l’esistenza.
A Firenze in questi giorni è stato arrestato il guru di una sette satanica, un universitario 23enne, che ha adescato almeno 13 giovani, alcuni minorenni, conducendoli nei boschi per infliggere loro cruenti riti iniziativi.
Diceva di essere il Diavolo, terrorizzando così le giovani vittime, costringendole ad uno stato di schiavitù anche sessuale, e producendo materiale pedopornografico.

Il sedicente guru aveva individuato le vittime tramite passaparola, in ambienti a lui contigui, ingannandoli e minacciando loro ed i loro cari di morte, se avessero parlato. Violenze fisiche e psicologiche, rituali pericolosi che spesso provocavano alle vittime uno stato di dolore così forte da far perdere loro i sensi.

Sono vittime che, in questo caso, sono state identificate e salvate. Ma purtroppo in Italia sono ancora tanti i minori spariti nel nulla, spesso vittime sacrificali di menti folli.

Il rapporto tra pedofilia e satanismo è stato più volte provato. Diverse inchieste giornalistiche e molti responsabili di centri di protezione per l’infanzia hanno lanciato il messaggio che, più frequentemente di quanto si creda, il racket della prostituzione dei minori e della pedofilia sono gestiti da sètte sataniche“. (Dr. Mendels)

Se hai problemi legati a questo tipo di vicende, o sospetti che qualcosa di preoccupante stia accadendo a tuo figlio, ad un tuo caro, non esitare e contattaci chiamando il numero: 0805020101 oppure il numero verde: 800689849.
Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.

Nucleo Antisetta

 

 

Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi