Le aziende riaprono, lo smart working continua

Iniziamo a vivere una quotidianità quasi normale. Le aziende riaprono, e tra le misure di prevenzione del contagio c’è sicuramente l’utilizzo preferenziale dello smart working.
Il lavoro agile è infatti fortemente raccomandato dai documenti tecnici Inail e dai protocolli sanitari, perché utile al distanziamento sociale sui luoghi di lavoro.
Gli ispettori del lavoro hanno da oggi anche il compito di verificare che il datore di lavoro faccia ricorso allo smart working in tutti i casi in cui è possibile.

Molte aziende, tra le quali Twitter e Facebook, hanno sperimentato in questo periodo l’utilità del lavoro agile, decidendo di mantenerlo anche dopo l’emergenza sanitaria. Non sempre, infatti, è necessaria la presenza fisica sul luogo di lavoro. Si potrebbe parlare di smart working “ritagliato” sulle reali necessità aziendali.
Andrebbero quindi rivisti gli accordi individuali, utilizzando questo periodo come test, elaborando un nuovo metodo, come un’alternanza tra lavoro agile e presenza fisica in azienda lì dove necessario.

Lo smart working non è il vecchio telelavoro, ma è uno strumento manageriale innovativo, che si basa sui risultati e sulla prestazione, sul lavoro per obiettivi, e non sulla mera presenza e sul tempo (che non sempre corrispondono all’impegno).
Oggi le aziende, che vorranno proseguire con lo smart working, dovranno:

  • stabilire delle policy sulle modalità dei controlli a distanza. Infatti, senza le policy non si potranno utilizzare i dati acquisiti tramite gli strumenti utilizzati per lo smart working;
  • determinare un codice disciplinare che individui le condotte sanzionabili collegate all’attività lavorativa svolta fuori dai locali aziendali.

Inevitabilmente nasceranno delle problematiche legate alla nuova modalità di lavoro e qualche dipendente farà il furbetto.
Probabilmente qualcuno utilizzerà l’autonomia dello smart working per compiere atti d’infedeltà aziendale come la concorrenza sleale (magari svolgendo attività in favore di un concorrente), furto dati e falsa malattia.

Per questo continueranno ad essere utili i controlli difensivi per mezzo di un’agenzia investigativa, per individuare le condotte sanzionabili, non solo all’esterno, ma anche all’interno dell’azienda.

Chiamaci per una consulenza gratuita: 0805020101
Numero verde: 800689849

Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi