Intercettazioni telefoniche: facciamo chiarezza

Partiamo da un presupposto: nessun cittadino privato è autorizzato ad effettuare intercettazioni telefoniche. È infatti illegale svolgere questo tipo di attività, e si può incorrere in sanzioni molto severe, come l’arresto fino a cinque anni. Si tratta infatti di una grave lesione della privacy della persona intercettata.

Molto spesso riceviamo richieste di persone che vogliono “intercettare” conversazioni e chat private del proprio partner, ad esempio. Ma neanche l’investigatore privato può effettuare delle intercettazioni, né acquisire chat o messaggi. Così come non può farlo un singolo rappresentante delle forze dell’ordine.

Vediamo perché.

Innanzitutto per far partire una intercettazione telefonica è necessario che ci sia una prima richiesta da parte della Polizia Giudiziaria, autorizzata dal Giudice per le Indagini Preliminari con decreto motivato, su richiesta del Pubblico Ministero, agli operatori che gestiscono la Rete di telefonia mobile e fissa, che duplicano le linee telefoniche oggetto di indagine in maniera totalmente anonima, deviando una linea direttamente al Centro Intercettazioni Telefoniche della Procura della Repubblica, che in questo modo può acquisire conversazioni e contenuti dei messaggi SMS e MMS, il traffico dati etc.

Ottenere le autorizzazioni per svolgere un’intercettazione telefonica è molto complesso anche per chi autorizzato, perché devono sussistere i “Requisiti di Ammissibilità”: l’articolo 266 del codice di procedura civile stabilisce che l’intercettazione telefoniche è consentita solamente nei procedimenti che riguardano determinati reati, come i delitti colposi, quelli contro la pubblica amministrazione, gli atti persecutori, delitti legati al contrabbando, alle armi, alla droga, alla pedopornografia etc.

Cosa può fare, invece, l’investigatore privato?

Tra le attività autorizzate, che l’investigatore può compiere in totale legalità, oltre al pedinamento ed al monitoraggio – ed alla conseguente produzione di foto e video – ci sono le registrazioni di conversazioni, alle quali bisogna essere presenti fisicamente, anche se non partecipi attivamente. Le registrazioni effettuate, anche all’insaputa del presenti, sono da considerarsi documenti (così come qualificati dalla Legge) e hanno valore probatorio.

Altra attività che l’investigatore è autorizzato a fare è la bonifica ambientale e telefonica.

Tutte le comunicazioni, così come i flussi di dati, possono essere facilmente intercettati attraverso una moltitudine di dispositivi tecnologici all’avanguardia anche della grandezza di pochi centimetri e facilmente reperibili in rete. In ambito professionale, molti competitor utilizzano questo metodo illegale per ottenere informazioni e per “impossessarsi” del know-how aziendale, provocando danni molto seri. Assicurarsi di non essere vittima di questo tipo di intercettazioni garantisce la tutela della privacy e delle comunicazioni negli uffici, nelle abitazioni e nei veicoli.

Il nostro settore investigativo si avvale di team composti da tecnici di comprovata professionalità in grado di operare bonifiche ambientali elettroniche, telefoniche ed informatiche da microspie e sistemi di intercettazioni, consentendo di rilevare la presenza di qualsiasi tipo di apparecchio per l’intercettazione, sia di tipo tradizionale che di tipo avanzato, come pure quelli già divenuti inattivi o “dormienti”.

Il nostro servizio prevede l’individuazione di:

  • Microspie RF
  • Microspie telefoniche
  • Microspie GSM
  • Microspie Laser
  • Microspie onde convogliate
  • Microspie GPS e localizzatori auto
  • Microcamere nascoste (cablate e wireless)

Contattaci. Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.

Tel. 0805020101
Numero verde: 800689849
Oppure clicca qui per prenotare una consulenza
Condividi

2 comments

  1. Giulia Perotti - 2 Febbraio 2021 10:26

    Buongiorno, chiedo informazioni sulla fattibilità di un investigazione privata. Da tempo ho il sospetto che la mia compagna abbia qualcosa da nascondere sul proprio telefono e in passato ho già scoperto diverse chat. Nell’ultimo periodo ha cambiato il codice e inserito l’impronta digitale per rendere il telefono inaccessibile. Da quanto ho avuto modo di scoprire sino ad ora non ci sono state occasioni di incontri dal vivo con altre persone ma soltano conversazioni via whatsapp e instagram. Volevo chiedere quindi se è fattibile fare un investigazione soltanto a livello telefonico senza pedinamenti o appostamenti. Lei ha lavorato in passato nell’ambito delle investigazioni quindi conosce le modalità di investigazione consuete e potrebbe accorgersi di qualcosa. Volevo capire se in qualche modo è possibile attuare un monitoraggio sul telefono per capire con chi parla. Chiedo di essere ricontatta sulla mail anziche sul telefono. Grazie

    Rispondi
    • ati-admin - 3 Febbraio 2021 17:52

      Salve, la ringraziamo innanzitutto per il suo commento. Purtroppo non possiamo in alcun modo intervenire sui telefoni cellulari recuperando chat o altro, come viene specificato proprio nell’articolo. Restiamo comunque a sua disposizione. Grazie.

      Rispondi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi