Finta malattia del dipendente: quando iniziare a preoccuparsi

Cos’è la finta malattia e quando è il momento di iniziare preoccuparsi per l’assenza, seppur giustificata dal certificato medico, di un dipendente?

Si parla di finta malattia quando un dipendente sta a casa dal lavoro senza essere davvero ammalato. Il certificato medico arriva in azienda correttamente, permettendo al dipendente di stare a casa a riposo invece di andare al lavoro, percependo parte dello stipendio. Va detto che non c’è nulla di male a stare a casa a riposare per via di stanchezza, stress, notte insonne e tanti altri casi che non violano la legge. Il dipendente a casa deve solo rispettare le fasce orarie in cui deve restare a casa, oltre le quali può uscire, per andare dal medio, per esempio, o dove desidera.
Il dipendente che non è malato e se ne va in giro, allora è in errore e perseguibile per legge.

Quando iniziare a preoccuparsi

Un datore di lavoro e i colleghi possono iniziare ad avere dei sospetti che il dipendete/collega sia in finta malattia quando fa arrivare il certificato medico a ridosso di ferie, weekend e festività.

Dopo le ferie

Il certificato medico inviato in azienda è sospetto se arriva sempre dopo le ferie. Il dipendente prende giorni di ferie e poi aggiunge altri giorni grazie al certificato medico, in modo da stare a casa di più. Solo il datore di lavoro può richiedere accertamenti al medico del lavoro che dovrebbe passare a domicilio a controllare, ma purtroppo questo non capita sempre.

Dopo il weekend

Il certificato di malattia può servire al dipendente lavativo per allungare il weekend. Il datore di lavoro può richiedere l’assistenza di un detective privato per scoprire se il dipendente è davvero ammalato o meno.

Dopo le festività

Altro caso da tenere d’occhio è quando il certificato arriva dopo le festività, allungando così il periodo di vacanza.

Se sospetti di un tuo dipendente o collaboratore, contattaci: 0805020101 – informazioni@aldotarricone.com

Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.

 

Condividi

Dì la tua