Coppia: le 5 fasi dell’intimità ed il rischio infedeltà

Si sa, nei primi mesi di una relazione l’intimità è una componente essenziale, perché ci si impara a conoscere da tutti i punti di vista, e la novità rende tutto più coinvolgente ed intrigante. Con il tempo le cose cambiano, a volte peggiorano, altre migliorano, affrontando 5 fasi principali, che vediamo di seguito, prendendo spunto da un recente articolo pubblicato su guidapsicologi.it:

Fase della fusione: l’innamoramento

Secondo delle ricerche sul tema, effettuate dalla Cornell University di New York, seguite dalla Dott.ssa Cindy Hazan, “gli esseri umani sono biologicamente programmati per sentirsi appassionati tra i 18 ed i 30 mesi di relazione“.

Le ricerche prendono in esame un campione di 5000 persone, di 37 culture diverse, mettendo in luce il fatto che l’innamoramento ha un “tempo limitato“, e biologicamente volto a procreare. Ecco perché siamo così coinvolti sessualmente all’inizio di una storia. E per quanto possa sembrare tutto idillìaco, anche questa fase è a rischio tradimento, proprio perché si vive una sorta di scombussolamento ormonale, che in alcuni casi può far “deviare l’attenzione“.

Fase del legame: la compagnia

In questa seconda fase la relazione passa dal coinvolgimento totale alla ricerca della propria individualità. Si ritorna alla propria vita, ai propri gusti, pur continuando a condividere intimità e sentimento con l’altro. Ma si è più simili a dei compagni di vita che a due amanti appassionati. La sessualità è ancora presente ma è vissuta con più “parsimonia“. Il tradimento potrebbe rappresentare il riaffiorare di quella passione folle appena passata, di cui spesso si sente la mancanza, essendo stata sostituita dai primi accenni di abitudine.

Fase della convivenza: la routine

Per chi supera la seconda fase, inizia una terza tappa, che è quella più profonda e più bella, per molti versi, di una coppia: la convivenza, la routine. Infatti, sebbene la parola “routine” spesso venga associata alla fine della relazione, per molti invece è una meravigliosa conquista, fatta di reciproco e profondo amore e rispetto. Sicuramete il sesso viene meno, essendoci molti più impegni quotidiani da condividere, ma ciò non significa amare di meno. Il problema sorge solo se il sesso diventa, in questa fase, una “moneta di scambio“, della serie: se non fai questo, non faremo sesso. In questo caso il tradimento sembra una soluzione, per evitare oppressioni, minacce e frustrazioni dettate dalla manipolazione di ciò che dovrebbe essere solo piacere e complicità.

Fase collaborativa: progettare insieme

La fase della convivenza spesso confluisce nella fase della collaborazione, dei progetti a lungo termine, che non sono solo quelli riguardanti la casa ed il matrimonio, ma anche l’avere dei figli. Questa è la fase più delicata e a rischio tradimento, perché è proprio in coppie che attraversano questo momento che si sviluppa maggiormente l’istinto di tradire. Basti pensare alle difficoltà che la donna vive nella fase postpartum, che spesso gli uomini non sanno gestire, cercando “sollievo” altrove, ma che anche per le donne diventa motivo di frustrazione e di bisogno di conferme dall’esterno. Le coppie più salde e più innamorate, però, affrontano questa fase come quella più bella della loro vita.

Fase di adattamento

L’ultima fase che la coppia vive è quella dell’adattamento alla vita, alle abitudini ed alla quotidianità, che però porta sempre delle sorprese, talvolta spiacevoli, come malattie, problemi economici e familiari etc.
In questa fase l’intimità potrebbe essere comunque un’esperienza bellissima e desiderata da entrambi, ma è anche vero che l’idea che il tempo stia passando ci fa sentire meno “desiderabili” anche agli occhi del partner, che non ci guarda più come un tempo. Si può cercare quindi in altre persone quella passione persa, l’ammirazione dei primi tempi, lo stimolo a sentirsi di nuovo “giovani” e vivi.

Il tradimento, ricordiamo, è un comportamento sbagliato in ogni fase della vita e della relazione, ed i traditori non hanno età e non hanno giustificazioni.

Se pensi che il tuo partner ti stia tradendo, contattaci.
Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.
Tel. 0805020101
Numero verde: 800689849

Oppure chiedi una consulenza cliccando qui.

 

 

Condividi

Dì la tua

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi