Bullismo tra i ragazzi: “togliti la mascherina o sei uno sfigato”

Sono numerose le segnalazione da parte di mamme e papà circa episodi di bullismo da parte di ragazzi, ma anche di baby gang, che fanno gruppo e prendono in giro chi rispetta le regole. In due mesi di lockdown abbiamo cercato di insegnare, ancora di più, ai nostri figli il rispetto delle regole, specie riguardo alla pubblica sicurezza e alla tutela della nostra salute, ma sono tanti i casi, nei centri urbani, che si registrano di bullismo a tema “mascherina”. Eh sì, perché, secondo loro, la mascherina non è di moda. E perciò chi la indossa è lo sfigato di turno, che viene ridicolizzato dal bulletto di turno, che, se necessario, sfida anche le autorità.

In Corea del Sud la seconda ondata ha riguardato proprio i ragazzi, contagiati in bar e locali aperti forse prematuramente nella tigre asiatica. Purtroppo l’Italia potrebbe trovarsi nelle stesse condizioni. Sono tanti, troppi, i giovani che non stanno rispettando le norme della fase 2 e questo non è solo un problema sanitario ma di fatto è un’esperienza diseducativa che non gli farà certo bene. Fatto ancora più grave perché le norme in questione sono a vantaggio della comunità: se scoppia qualche nuovo focolaio saranno i loro padri e lo loro madri a finire sul lastrico e i loro nonni e le loro nonne a rimetterci qualcosa in più.

Se pensi che tuo figlio sia vittima di bullismo, contattaci. Siamo al tuo fianco nella ricerca della verità.
Chiamaci: 0805020101
Numero verde: 800689849

Fonte

Fonte

Condividi

Dì la tua